Introduzione

I canti definiti spirituals sono la prima forma artistica ampiamente documentabile espressione dell’originale cultura che si creò in America Settentrionale in seguito all’incontro dei Neri africani deportati e dei Bianchi europei immigrati.
I primi venti schiavi africani giunsero in Virginia nel 1619, un anno prima dello sbarco a Plymouth dei Padri Pellegrini.
Certo, non era nelle intenzioni né nei pensieri degli spietati negrieri che trasportavano nelle Americhe le migliori energie di decine di popoli africani dare origine ad una cultura nuova.
Un simile pensiero non poteva sfiorare la coscienza ottusa di chi, stivando uomini e donne con la stessa meticolosa razionalità con cui avrebbe stivato legno d’ebano o zanne d’avorio, si accingeva al lungo tragitto della tratta atlantica. E neppure ciò sfiorava le menti di chi, suo malgrado, si ritrovava straniero fra stranieri in una terra lontana e ignota.
Negrieri e schiavi in viaggio, padroni e servi nelle piantagioni, altro avevano a cui pensare che non di trovare paradigmi intorno ai quali realizzare un nuovo modello culturale.
Ciononostante una nuova cultura era nata, una cultura che ha provocato cambiamenti profondissimi nella nostra stessa cultura europea contemporanea.
Tali cambiamenti sono immediatamente e clamorosamente evidenti nella musica, arte che oggi non può escludere un riferimento esplicito e irrinunciabile a quella serie di realizzazioni sonore frutto dell’incontro fra mondo Nero e mondo Bianco, nelle sue varianti europea ed americana, colta e popolare.
Che un vergognoso commercio di esseri umani abbia dato origine ad una delle più geniali culture della storia, quella degli AfricanAmericani , è uno di quegli “scherzi” della storia che non si possono spiegare, a un primo sguardo, se non per i capricci del destino o per l’intervento di un Dio.
In questa breve introduzione alla raccolta di musiche e testi di spirituals, cercherò di far luce su alcune delle circostanze che hanno portato alla nascita di una delle somme realizzazioni culturali degli AfricanAmericani, con l’intento, anche, di fornire un supporto culturale e musicale ai numerosi gruppi e cori italiani che, seguendo una tendenza sempre più spiccata, inseriscono nel loro repertorio brani della tradizione delle chiese nere americane, brani che vengono, più o meno correttamente, definiti spiritual o gospel.
La conoscenza di questo straordinario patrimonio, delle sue origini e della sua storia è in Italia patrimonio di pochi. I testi in lingua italiana, originali o tradotti, a portata del lettore comune si possono letteralmente contare sulle dita di una mano. Meno desolante, naturalmente, il panorama americano, non sempre però “amichevole”: superate le difficoltà di reperimento dei testi grazie ad internet, resta il problema per chi non domina l’inglese di trovarsi di fronte a testi non sempre facilmente abbordabili e spesso ponderosi.
Senza pretese di completezza, né di originalità interpretativa, questo saggio si offre quindi come punto di partenza per un’analisi della musica religiosa AfricanAmericana. E, in quanto punto di partenza, toccherà i diversi aspetti del fenomeno spiritual, da quello terminologico a quello storico, da quello relativo alle melodie a quello testuale.

In considerazione delle finalità divulgative di questo lavoro, pur impegnandomi a salvaguardare sempre il rigore storiografico e filologico che una seria ricerca impone, ho cercato di adottare un linguaggio il più possibile semplice e comprensibile anche ai non addetti ai lavori.
Ho ritenuto in ogni caso utile mantenere l’apparato di note che, facilmente omissibile da chi non ne fosse direttamente interessato, consente di riferirsi in modo più immediato e puntuale alle fonti.
Non ho tralasciato, dove fosse il caso, di accostare alla ricerca storica e musicale alcune riflessioni sul significato che l’ascolto e soprattutto l’interpretazione di queste canzoni assume nel nostro contesto culturale, cercando anche, per quanto mi è stato possibile, di sottolineare assonanze e relazioni che consentissero, senza perdere di vista le distanze, di avvicinarsi alla musica Nera con il cuore oltre che con l’intelligenza.
Questa raccolta di spirituals, ciascuno corredato da traduzione in italiano e note, ha l’obiettivo di introdurre il lettore non specialista alla conoscenza del complesso mondo culturale che si sviluppa nella comunità di colore residente negli Stati Uniti meridionali fra la fine del XVIII secolo e i primi anni del ‘900.
Il genere musicale noto come spiritual è infatti prima di tutto l’espressione vitale di un popolo e di una cultura, la testimonianza artistica di un modo di vivere e interpretare la realtà quotidiana nella lenta e angosciosa fase di passaggio fra la condizione di schiavitù e la libertà (con tutte le sue imprevedibili contraddizioni). Gli spirituals non sono semplicemente, come spesso si crede, i canti che gli schiavi cantavano nei campi di cotone per consolarsi del dolore e dell’oppressione. Essi sono piuttosto l’affermazione dell’esistere, dell’esserci; la rivendicazione della propria dignità e specificità cantata in modo sempre più forte e chiaro via via che la libertà si avvicinava e l’oppressione si faceva più dura.
Nell’intento di offrire quindi, accanto alla possibilità di cantare questi brani, anche le basilari informazioni per comprenderli, ogni canto è accompagnato sia dalla traduzione che da alcune note esplicative, talvolta più dettagliate, talvolta meno.
Una adeguata comprensione di alcune sezioni del testo richiede naturalmente di accedere alle fonti musicali e testuali a cui farò riferimento. E’ difficile, soprattutto in considerazione della difficile reperibilità di materiale su CD in Italia, ovviare a tale inconveniente, a meno che non si sia disposti ad acquistare il materiale in Inghilterra o negli USA. Poiché anche in questo caso internet ci viene in aiuto, in appendice ho indicato, senza presunzioni di completezza, una possibile scelta bibliografica e discografica, sufficiente per consentire al lettore di orientarsi. Sempre in appendice riporto gli indirizzi web sui quali è possibile acquistare testi e musica in rete.
Vai a "Spirituals" di Roberto Leopardi
CONTATTA IL DOCENTE
MENU'